In Sardegna nasce Dhea Mather, un laboratorio cosmetico eco-sostenibile dedito alla produzione limitata di creme e saponi naturali il cui ingrediente principale è il candido latte d’asina, un tipo di latte dalle straordinarie proprietà organolettiche scientificamente riconosciute come le più simili in composizione e caratteristiche al latte materno umano, utilizzato dal laboratorio rigorosamente fresco non liofilizzato a concentrazioni che vanno dal 78% al 98% per realizzare dei curativi topici particolarmente consigliati alle pelli sensibili ed allergiche. Essendo la Sardegna una terra di tradizione pastorizia, il latte di Dhea Mather non può che derivare rigorosamente dall’allevamento proprio di asine sarde libere di pascolare nel mezzo della natura, in questo caso di quella incontaminata del territorio del Mandrolisai (Sardegna Centrale), permettendone una produzione giornaliera e la sua aggiunta da fresco nelle formulazioni cosmetiche, in modo da garantire così la sicura inalterabilità dei suoi principi nutritivi e di conseguenza l’alta qualità delle formulazioni stesse.

Dhea Mather propone una ristretta linea di cosmetici per il viso dermatologicamente testati acquistabile presso lo shop online https://cosmesinaturale.shop/, costituita ad oggi da tre prodotti che sono una crema titolata con il 78% di latte d’asina chiamata “Oro Bianco” (50ml – 45,00€), un siero titolato al 98% (50ml – 42,00€) ed una saponetta viso/corpo chiamata “Gaia” (100g – 7,00€) usabile anche come sapone da barba per gli uomini. I tre, con packaging minimal e riciclabile, per via della loro freschezza devono essere conservati a temperature comprese tra i 15°C e 30°C al riparo dalla luce e fonti di calore.

Con i tre si può creare una routine di bellezza quotidiana utile nel prendersi cura in maniera delicata e gentile di tutte le tipologie di pelle, incluse quelle più fragili afflitte da diverse patologie dermatologiche come ad esempio sono la psoriasi, gli eczemi e le dermatiti, in quanto su di esse si sono dimostrati molto ben tollerati, assicurando azioni plurime di tipo protettivo, idratante, ammorbidente, lenitivo, antinvecchiamento, antinfiammatorio e cicatrizzante. Dhea Mather con la sua linea cosmetica al latte d’asina fresco promette nei vari casi di alleviare i rossori e le irritazioni, di ridurre le rughe, le smagliature, i brufoli e le macchie solari, di ottenere una pelle più morbida oltre che più luminosa ed elastica, di ritardare l’invecchiamento della pelle restituendole tono ed elasticità, di riequilibrare la produzione di sebo nelle pelli grasse ed acneiche, e tanto altro ancora.

In particolare si possono combinare insieme il siero e la crema usandoli separatamente passando prima il siero come base e poi la crema come ridefinente, oppure miscelandoli insieme per creare un terzo composto potenziato e personalizzato (su di me ho trovato perfetta la miscela con due erogazioni di crema + una di siero). Più semplicemente preferendone uno al mattino e l’altro alla sera. 

La scelta dell’acquisto, e quindi dell’uso, certamente va ponderata in base ai risultati auspicabili che sono sempre e comunque da attribuire quasi completamente alla capacità del latte d’asina di lavorare sulla nostra pelle attraverso la sua composizione organica ricca in proteine funzionali (come le antimicrobiche Lisozima e Lattoferrina), in vitamine (soprattutto A, C, E del gruppo B e vitamina D) e sali minerali (in primis calcio, potassio, fosforo, magnesio, ferro e zinco).

Non solo però latte d’asina, altri naturalissimi e pregiati ingredienti della flora mediterranea sarda vanno ad arricchire i cosmetici. Ci sono gli oli di Oliva, Mandorle Dolci, Semi di Girasole, Germe di Grano, Rosa Mosqueta, Lentisco, Iperico, Riso, ma anche l’Aloe Vera, il Pantenolo, l’Allantoina e la vitamina E. Le profumazioni sono anch’esse naturali, derivate dagli oli essenziali.

La routine completa l’abbiamo affrontata io e mia madre insieme, entrambe appassionate di cosmetici a base di latte d’asina. Io nella fascia d’eta 30+ con una pelle post-acne molto sensibile e reattiva, tendente alle imperfezioni. Mia madre nella fascia d’eta 60+ con una pelle allergica, facile alla rottura dei capillari, poco tonica e con qualche ruga.

Saponetta Gaia
purificante, antibatterica, riequilibrante, rigenerante ed antioassidante. Per tutti i tipi di pelle

La saponetta Gaia al tatto ha una consistenza sufficientemente morbida da potersi facilmente sezionare in più pezzi da dilazionare nel tempo quando non si vuole utilizzare il prodotto intero ogni volta, magari per il suo impiego in zone limitate come sono quella del viso o delle mani. Non ha quindi nulla da spartire con le classiche saponette da grande distribuzione, quelle dure come il marmo tendenti alla spaccatura dopo un pò di utilizzi, se non per il suo profumo neutro, questo sì riconducibile alla classica saponetta anche se nel caso di Gaia con una leggerissima nota di fondo richiamante la citronella.

Certamente la principale caratteristica di questa saponetta sta nella piacevolissima cremosità della sua schiuma, per di più subito abbondante con pochi strofinamenti. Una vera e propria cremina che più la si lavora più diventa morbida e compatta, oltre che copiosa e voluminosa soprattutto se distribuita con un accessorio per il lavaggio come può essere una spugna. Sicuramente è usandola sul corpo che tali tecnicità prendono il sopravvento, quando con pochi massaggi o spugnature ci si ritrova così tanto avvolti, anzi travolti, dalla schiuma cremosa da non intravedere più la propria pelle…si diventa una forma di fiocco di neve. Generalmente in un sapone un’abbondante schiuma è sinonimo di secchezza, di screpolatura e/o di eccessivo sgrassaggio, un sinonimo che non vale per la saponetta Gaia che effettivamente sgrassa, pulisce e purifica perfettamente asportando da viso e corpo qualunque tipo ed intensità di sporco, ma in modo molto soft e delicato lasciando la pelle equilibrata, liscia, tonica e sbiancata, per nulla arida né pruriginosa quindi.

Su di me, l’azione purificante della saponetta attribuibile ad una proteina antibatterica chiamata Lisozima contenuta nel latte d’asina, l’ho effettivamente riscontrata per quanto riguarda il corpo su dei brufoletti che da un pò di tempo mi tormentavano la zona del décolleté e dell’interno coscia, poi spariti del tutto nel giro di un paio di docce, mentre sul viso ho potuto verificare anche qui dai primi utilizzi i pori dilatati e i solchi acneici molto puliti, liberi ed otticamente più ristretti. Nessuna incompatibilità inoltre con la mia sensibilità e reattività cutanea. Anche mia madre si è trovata benissimo nel lavarsi con la saponetta che lei ha usato però solo in doccia, non subendo alcun disagio ma solo soddisfazioni nel lavarsi in modo rapido e facile, in più lei non ama usare creme idratanti per il corpo, e con Gaia che lascia la pelle sana e normale dopo la doccia ha trovato un’alleata.

INCI: Sodium rapeseedate, sodium cocoate, glycerin, aqua, lac asinae, profumo/parfum*, limonene, linalool, sodium citrate, C.I. 77891, C.I. 77019, C.I. 77861.

Crema Viso “Oro Bianco” al 78% di latte d’asina
Idratante, nutriente, antinvecchiamento, antinfiammatoria e rigenerante

Oro Bianco è un’emulsione fluida dalla texture leggera e vellutata, caratterizzata da una mediamente intensa profumazione unisex nella quale tende a prevalere una calda nota orientale un pò pungente. Pur presentandosi come un fluido di veloce e facile assorbimento, per nulla unto e tantomeno occludente, la sua consistenza ai sensi si avverte come ben ricca e nutriente per la presenza aggiuntiva di un mix d’oli che vanno a sostenere ed implementare le singole proprietà cosmetiche del latte, i cui principali sono quelli di Oliva, Germe di Grano, Rosa Mosqueta, Lentisco e Iperico per suggerire un forte effetto d’insieme di tipo rigenerante, antinfiammatorio ed idratante al fine di combattere la secchezza, le irritazioni cutanee ed il prurito, ai quali seguono i secondari oli di Semi di Girasole e Mandorle Dolci per una maggiore azione nutriente ed elasticizzante, uniti per concludere alle antiossidanti e cicatrizzanti Aloe Vera e Vitamina E. Oro Bianco è quindi un complesso che promette di mantenere equilibrata la pelle sia sofferente che non, mentre al tempo stesso la protegge dai rischi esterni ambientali come sono le polveri e lo smog.

Due erogazioni sono più che sufficienti a trattare viso e collo, inclusa la zona del contorno occhi dato che questa non subisce alcun tipo di disagio nell’entrare a contatto con la crema. Si massaggia sulla pelle molto piacevolmente, anche se occorre tenere presente il fatto che dopo i primi movimenti si viene a creare un’abbondante scia bianca tecnica la quale comunque tende a svanire rapidamente con il suo altrettanto rapido assorbimento, per poi rilasciare a fine trattamento solo una pelle molto confortata, ben nutrita e idratata, compatta e vellutata, oltre che leggermente schiarita nell’incarnato risultando così alla vista più omogeneo e con, laddove ce ne fossero, le imperfezioni un pochino meno evidenti. Sulle mie ostinate discromie post acne (macchiette rosa e violacee) l’effetto ottico schiarente si percepisce abbastanza. Di positivo c’è inoltre l’asciuttezza assunta dalla pelle con l’uso della crema, durevole su di me per moltissime ore, praticamente tutta la notte o tutto il giorno, ma senza effetto matt. Risultati positivi ne ha ottenuti anche mia madre avvertendo sul suo viso maggiori turgore e tonicità ad ogni uso, insieme ad un buon nutrimento e senso di protezione. Per entrambe, la crema Oro Bianco si è dimostrata una valida amica nel mantenere la pelle in forma sia di giorno che di notte.

INCI: Donkey Milk, Aloe Barbadensis Leaf Juice, Cetearyl olivate, Hypericum Perforatum Flower/Leaf/Stem Extract, Helianthus Annuus Seed Oil, Parfum, Sorbitan olivate, Xanthan gum, Tocopheryl Acetate, Panthenol, Olea Europaea Fruit Oil, Pistacia Lentiscus Oil, Cetearyl Alcohol, Rosa Moschata Seed Oil, Prunus Amygdalus Dulcis Oil, Triticum Vulgare Germ Oil, Allantoin, BTH, BHA, Citric Acid, Potassium sorbate, Phenethyl Alcohol, Caprylyl Glycol, Sodium benzoate, Sodium sulfite, Hydroxycitronellal, Geraniol, Butylphenyl Methylpropional, Citral, Citronellol, Coumarin, Limonene, Hexyl cinnamal, Linalool

Lozione Viso al 98% di latte d’asina
rinnovante, antisettica, cicatrizzante, emolliente e liftante.

La lozione viso è un siero impalpabile dalla profumazione poco durevole di latte caldo con una nota di fondo fiorita, capace di regalare nell’immediatezza dell’uso un inconfutabile effetto lifting estetico che sensorialmente ben appiana, tende, leviga e tonifica la grana della pelle mentre ne schiarisce leggermente l’incarnato. Quasi un primer perfezionatore quindi, dall’assorbimento pressoché immediato e oserei dire istantaneo se usato in dosi modiche, a causa del quale suggerisco affinché possa essere distribuito in modo uniforme, di far penetrare il prodotto picchiettandolo o premendolo con i palmi delle mani anziché attraverso il massaggio come si farebbe di consuetudine. Se usata solo in piccole quantità infatti, una o due erogazioni per intenderci, nel tempo che intercorre tra i primi attimi di applicazione ed il suo totale assorbimento la lozione acquista una texture appiccicosa quasi ad effetto ventosa, per poi rilasciare la sensazione finale di completa asciuttezza con finish mattificato, come cipriato. In caso di quantità più elevate tale trasformazione di texture non avviene, consentendo l’applicazione con un normale massaggio. Per questa sua resa opacizzante e normalizzante la lozione è maggiormente indicata per pelli con problemi di sebo in eccesso come quelle grasse, acneiche e miste, ovvero quelle pelli che hanno bisogno di sentirsi per molte ore asciutte, pulite e leggere, in virtù anche del minimo potere idratante posseduto dalla lozione. Sempre singolarmente e per le stesse motivazioni che rendono la lozione utile alle pelli iperseborroiche, la lozione può venire incontro anche a tutte le altre restanti tipologie di pelli durante le belle giornate calde, afose o umide.

Io l’ho trovata perfetta da usare come prodotto unico nei giorni del ciclo mestruale quando mi spunta qualche brufolo ormonale e mi sento accaldata tanto da non sopportare nulla sul viso e sul corpo, riuscendo così ad avere ugualmente un aspetto riposato, disteso e matt senza percepire la presenza della lozione. Per tutto il restante periodo sono stata solita passarla prima della crema o mescolandola ad essa, ottenendo un effetto schiarente e idratante un pò più incisivo. Mia madre invece la lozione l’ha valutata troppo leggera e troppo poco idratante per poterla impiegare da sola, pur apprezzandone molto l’effetto liftante, ma non piacendole mescolare i prodotti né fare troppi passaggi, non l’ha usata preferendole la crema.

INCI: Donkey Milk, Xanthan gum, Phenethyl Alcohol, Caprylyl Glycol, parfum, Hydroxycitronellal, Coumarin, Limonene, Linalool.

Conclusioni

Le appassionate o le curiose del latte d’asina come ingrediente cosmetico curativo ed abbellente, aventi possibilità economiche serene, non possono lasciarsi sfuggire la possibilità di provare la linea Dhea Mather con i suoi tre prodotti che per produzione e resa sulla pelle si presta a diventare una semplice, genuina ed efficace routine di bellezza, per sentirsi tutte chi un pò Cleopatra chi un pò Poppea. Sul mercato odierno da me conosciuto, la linea di Dhea Mather rientra tra quelle rare con il quantitativo altissimo e quasi totale di latte d’asina, oltretutto impiegato fresco alzando così l’asticella della qualità formulativa, classificandosi ipoteticamente come la più indicata per conoscere su di sé la bontà cosmetica di tale prezioso ingrediente naturale. Io che in diversi anni ho provato tanti prodotti con latte d’asina, sia italiani che esteri, sia in percentuali elevate che basse, ancora una volta ne confermo l’utilità attraverso Dhea Mather che mi ha dato l’opportunità di testare la sua linea ricevendola in omaggio per una collaborazione a scopo di conoscenza e recensione.

 


Per maggiori informazioni sulle referenze in oggetto e per acquistare i prodotti, contattare l’azienda presso:
Sito: https://cosmesinaturale.shop/
E-mail: [email protected]
Telefono: 348 766 8317

© 2019, silviadgdesign.altervista.org. All rights reserved.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.