VITAMINA C: uso topico per una pelle più sana, più giovane, più luminosa

by

La vitamina C (acido L-ascorbico), in qualunque sua forma, è uno più potenti antiossidanti presenti in natura da poter impiegare topicamente nella cura della pelle. Trattamenti topici di vitamina C possono contribuire a migliorare lo stato della propria pelle se afflitta da fenomeni di fotosensibilità, da discromie e cedimenti dovuti all’età, da cicatrici acneiche e da lesioni infiammatorie in genere, ma tutto ciò solo se essa è in grado di accettare tali trattamenti e quindi di gestirli. La pelle è infatti un organo con una propria personalità, a decidere quali prodotti usare, come usarli e quando usarli, è solo ed unicamente lei e ciò che noi possiamo fare è conoscerla, capirla e infine assecondarla.

vitamina C uso topico

  • Cosa è in grado di fare la vitamina C nei confronti della pelle?

È in grado di rallentare il processo di invecchiamento prevenendo i danni causati dai radicali liberi, di stimolare la produzione di collagene, di ridurre infiammazioni ed irritazioni, di diminuire la pigmentazione delle macchie, di illuminare la carnagione, di migliorare la risposta di guarigione naturale della pelle e di aumentare l’efficacia delle creme solari. Pertanto, è utilizzata largamente nei trattamenti domiciliari soprattutto con funzionalità di anti-invecchiamento e sbiancante. A livello topico, la vitamina C fornisce anche una piccola quantità di protezione dai raggi UV, anche se non è paragonabile a quella dei filtri solari, per questo l’uso della vitamina C è particolarmente consigliato durante il giorno piuttosto che durante la notte. Per iniziare a vedere dei risultati apportati dalla vitamina C come potenziatore della protezione solare, di solito ci vogliono circa 6 mesi d’uso costante.

Ancor prima di aspettarsi dei risultati, sono i suoi effetti effetti collaterali che bisogna tenere bene a mente, in modo da saperli interpretare nel caso sopraggiungessero, capendo perciò l’interazione tra la percentuale di vitamina C assunta topicamente e la propria pelle. Nonostante la grande fiducia e le numerose testimonianze entusiastiche (tra le quali c’è anche la mia), i prodotti con vitamina C non funzionano su tutti.

  • Quali sono gli effetti collaterali della vitamina C ad uso topico?

La vitamina C è pur sempre un acido e in quanto tale, in alcune persone, può provocare fenomeni di arrossamento e prurito. Di solito la pelle si abitua presto al trattamento effettuato, tuttavia, a volte in caso contrario è necessario regredire nella percentuale di vitamina C impiegata in modo da rendere il prodotto che la contiene più tollerabile. È possibile nonostante l’abbassamento della concentrazione, sperimentare ancora reazioni irritative che suggeriranno l’impossibilità da parte della pelle di gestire la vitamina C con uso topico.

Oltre ad un’irritazione indotta dalla vitamina, è possibile avere reazioni avverse dovute alla formulazione base del prodotto nel quale è contenuta. Molte di esse contengono sostanze come i siliconi, i petrolati e/o altri ingredienti inattivi (per aiutare a mantenere la vitamina C stabile più a lungo) che possono creare problematiche sulle pelli tendenti alle imperfezioni o su quelle sensibili e, proprio per questo, si deve guardare e studiare bene la lista degli ingredienti del prodotto scelto (INCI).

Per ridurre al minimo il rischio di irritazione, è importante iniziare ad utilizzare la vitamina C alla concentrazione più bassa che si può tollerare, perché una volta che si è applicato il trattamento, la vitamina C viene immediatamente assorbita e rimane attiva nella pelle fino a quando non si esaurisce, ovvero circa 3 giorni. Il ché significa che se alla pelle non piace il trattamento usato, rimarrà irritata per circa 3 giorni.

  • Qual è la migliore forma di vitamina C per uso topico?

Non tutta la vitamina C è la stessa e non ce n’è una assicurata come migliore fra tutte. Oltre alla forma pura (acido L-ascorbico), esistono le forme: sodium ascorbyl phosphate, ascorbyl palmitate, retinyl ascorbate, tetrahexyldecyl ascorbate, magnesium ascorbyl phosphate. Diverse ricerche hanno dimostrato che tutte queste forme di vitamina C ad uso topico, chi più chi meno, sono capaci di apportare una serie di benefici che includono la riparazione e la protezione dai danni dei radicali di liberi, soprattutto se combinate in una miscela contenente altre sostanze antiossidanti come il té verde, la vitamina A, la vitamina E, e/o la niacinamide. La maggioranza numerica delle ricerche e dei risultati positivi in termini di potenza, si concentrano però sulla forma pura, per questo è la più usata nei prodotti di skin care e sempre per questo è da preferire tra tutte. Perciò, la forma migliore di vitamina C consigliata per prevenire le rughe e migliorare quelle presenti e per schiarire la pelle, è sicuramente l’acido L-ascorbico.

  • Come deve essere conservato il cosmetico con vitamina C?

Tutti gli antiossidanti, tra cui la vitamina C, sono vulnerabili e tendenti a destabilizzarsi (si ossidano) quando sono esposti all’aria e alla luce. Quando un prodotto con vitamina C si ossida, diventa di colore giallo o arancione e perde la sua efficacia. L’acido L-ascorbico è stato dimostrato come il più potente, ma anche come la forma che destabilizza più facilmente. Tutte le altre forme sono abbastanza stabili, più dell’acido L-ascorbico, ma meno efficaci e potenti di questo.

Ciò significa che se si vuole beneficiare dell’azione di ogni forma di vitamina C, si devono scegliere solo i cosmetici confezionati in packaging opachi (meglio se di vetro scuro) e/o con dispenser airless, da tenere riposti in un luogo fresco e buio. La luce solare, il calore, l’aria, l’acqua, e anche il tempo (controllare spesso la data di scadenza), sono elementi che possono destabilizzare e rendere inefficace anche il prodotto con vitamina C meglio formulato. Scegliere il packaging giusto contribuirà a prolungare la stabilità della vitamina e a mantenere tutto il prodotto fresco.

  • Qual è l’uso topico migliore della vitamina C?

L’uso migliore in assoluto sarebbe l’applicazione topica della vitamina fresca, ovvero preparata ed usata instantaneamente sotto forma ad esempio di tonico. Il tonico casalingo alla vitamina C è molto famoso. Io stessa l’ho utilizzato circa due anni fa per molti mesi con il fine di ricevere un aiuto nel debellare gli ultimi sfoghi acneici sulla mandibola che mi affliggevano da alcuni anni (dopo un decennio di acne su tutto il viso) e di attenuare le cicatrici acneiche rimaste. Un trattamento, questo con il tonico, che mi ha apportato in breve tempo importanti benefici, quali: attenuazione delle macchie acneiche, carnagione più luminosa, ma soprattutto la fine dei miei sfoghi acneici. Personalmente, attribuisco in modo sostanziale la sconfitta definitiva della mia ultima forma di acne all’utilizzo del tonico con vitamina C, perchè quei pochi prodotti specifici usati in precedenza insieme ad uno stile di vita più sano possibile, non mi avevano procurato alcun miglioramento. Anche se non posso scientificamente dimostrare che la vitamina C mi ha eliminato l’acne, o meglio, che ha contribuito a disinnescare il meccanismo di sfogo acneico, posso testimoniare circa una coincidenza tra l’inizio dell’assunzione topica di vitamina C e la fine della mia acne.

Come preparavo e usavo il tonico? Ad ogni singola applicazione, mescolavo al momento una piccola quantità (studiata per me) di acido L-ascorbico in polvere (acquistato in farmacia) in un pò d’acqua demineralizzata, poi spalmavo il tonico ottenuto su tutto il viso mediante un dischetto di cotone oppure direttamente con le mani e lasciavo asciugare. Dopo applicavo la mia crema idratante. Inizialmente, ho usato il tonico quotidianamento per ottenere un effetto esfoliante, successivamente ho diradato la frequenza di applicazione ad ogni tre giorni, dato che la vitamina C è capace di svolgere la sua attività antiossidante nella pelle fino a tre giorni consecutivi.

Due sono i fattori determinanti per il successo del trattamento topico con il tonico: azzeccare la concentrazione di vitamina C adeguata alla propria pelle e creare sempre istantaneamente il tonico ad ogni applicazione (il tonico avanzato non si conserva poichè si ossida in poco tempo, ma va bevuto). Un piccolo escamotage rapido per non eccedere nella quantità rischiando di irritare la pelle, è quello di assaggiare il tonico prima di applicarlo per verificare quanto sia acido. Più il sapore sarà fortemente acido, più si correrà il rischio di avere effetti indesiderati. Quindi iniziate sempre con una quantità di vitamina C che dia all’acqua un sapore blandamente acido, anche per verificare la risposta della pelle.

Questo tonico però è di difficoltoso uso continuativo proprio perchè lo si dovrebbe preparare ogni volta e in più, non si può assicurare la perfetta conservazione della vitamina attraverso un ripetuto apri e chiudi del suo packaging di confezionamento, oltre a dover fare molta attenzione alla giusta quantità di vitamina da usare. L’alternativa più efficace ed anche comoda da scegliere per un uso topico costante, è il siero.

  •  Quando funziona meglio la vitamina C nei cosmetici e qual è il prodotto perfetto?

In un cosmetico, la vitamina C funziona al meglio quando essa è stabilizzata nella sua forma pura di acido L-ascorbico, ma è davvero efficace solo se è alla giusta concentrazione e con il giusto PH.

Nei cosmetici la concentrazione di vitamina C considerata efficace va dal 5% al 20%. Il 20% è la concentrazione massima che si dovrebbe mettere perchè valori maggiori non sono in grado di essere assorbiti completamente dalla pelle.

L’uso di vitamina C al 3-10% in trattamenti topici della durata di almeno 12 settimane ha dimostrato di diminuire le rughe, di ridurre il danno alle fibre proteiche, di diminuire l’apparente rugosità della pelle e di aumentare la produzione di collagene. Benefici confermati da un altro studio della durata di sei mesi con l’applicazione topica di vitamina C al 5% nel formato crema in persone con pelle affetta da fotoinvecchiamento, e nel quale si è registrato come risultato la riduzione delle rughe del viso e in generale il miglioramento dell’aspetto della pelle fotoinvecchiata. Oltre ai suoi usi nel fotoringiovanimento, la vitamina C ha dimostrato di essere benefica nei pazienti con acne, sia contribuendo a prevenire nuove eruzioni che a ridurre le lesioni presenti.

Tuttavia, gli effetti benefici dell’attività della vitamina C non sono evidenti in tutti gli individui, infatti uno studio ha riscontrato che in alcuni ai quali sono stati somministrati alti apporti sia dietetici di vitamina C che per via topica, hanno ricevuto poco o nessun beneficio.

È importante però sapere che le forme di vitamina C possono essere efficaci anche in concentrazioni più basse. La ricerca ha dimostrato infatti che le concentrazioni a partire da 0,6% forniscono azioni anti-aging benefiche per la pelle, quindi non occorre per forza stressarsi per trovare un siero con il 20% di acido L-ascobico né spende cifre fuori dalla nostra portata, ma è meglio puntare ad una formulazione antiossidante nel suo complesso, con ingredienti leviganti e cicatrizzanti che riescano a comunicare tra loro.

Il PH di un prodotto con vitamina C determinerà anche la sua efficacia. La vitamina C deve essere formulata intorno ad un PH con valore 3, o comunque inferiore a 4, per essere in grado di passare attraverso la barriera cutanea ed essere usata topicamente. Le aziende produttrici raramente specificano il PH del prodotto perciò è bene chiedere tale informazione al fine di capire se la formulazione sarà efficace oppure no.

In conclusione, non considerando la soggettiva reazione cutanea alla vitamina C, il prodotto ad uso topico perfetto per ottenere benifici importanti è un siero con singola concentrazione di vitamina C in forma di acido L-ascorbico stabilizzato pari a 20% e con PH 3. Per il mantenimento della buona salute della propria pelle, i cosmetici per la detersione ed idratazione anche con basse percentuali di vitamina C sono sempre utili e ben gradite, soprattutto se contenenti altri antiossidanti compensanti come la vitamina E.


RIFERIMENTI:

  • Farris PK. Topical vitamin C: a useful agent for treating photoaging and other dermatologic conditions. Dermatol Surg. 2005 Jul;31(7 Pt 2):814-7. (PubMed)
  • Pinnell SR, Yang H, Omar M, et al. Topical L-ascorbic acid: percutaneous absorption studies. Dermatol Surg 2001;27:137-142. (PubMed)
  • Bissett DL, Chatterjee R, Hannon DP. Photoprotective effect of superoxide-scavenging antioxidants against ultraviolet radiation-induced chronic skin damage in the hairless mouse. Photodermatol Photoimmunol Photomed 1990;7:56-62. (PubMed)
  • Campos PM, Goncalves GM, Gaspar LR. In vitro antioxidant activity and in vivo efficacy of topical formulations containing vitamin C and its derivatives studied by non-invasive methods. Skin Res Technol 2008;14:376-380. (PubMed)
  • Lin FH, Lin JY, Gupta RD, et al. Ferulic acid stabilizes a solution of vitamins C and E and doubles its photoprotection of skin. J Invest Dermatol 2005;125:826-832. (PubMed)
  • Murray JC, Burch JA, Streilein RD, Iannacchione MA, Hall RP, Pinnell SR. A topical antioxidant solution containing vitamins C and E stabilized by ferulic acid provides protection for human skin against damage caused by ultraviolet irradiation. J Am Acad Dermatol 2008;59:418-425. (PubMed)
  • Lin JY, Selim MA, Shea CR, et al. UV photoprotection by combination topical antioxidants vitamin C and vitamin E. J Am Acad Dermatol 2003;48:866-874. (PubMed)
  • Oresajo C, Stephens T, Hino PD, et al. Protective effects of a topical antioxidant mixture containing vitamin C, ferulic acid, and phloretin against ultraviolet-induced photodamage in human skin. J Cosmet Dermatol 2008;7:290-297. (PubMed)
  • Quevedo WC, Jr., Holstein TJ, Dyckman J, McDonald CJ, Isaacson EL. Inhibition of UVR-induced tanning and immunosuppression by topical applications of vitamins C and E to the skin of hairless (hr/hr) mice. Pigment Cell Res 2000;13:89-98. (PubMed)
  • Darr D, Dunston S, Faust H, Pinnell S. Effectiveness of antioxidants (vitamin C and E) with and without sunscreens as topical photoprotectants. Acta Derm Venereol 1996;76:264-268. (PubMed)
  • Traikovich SS. Use of topical ascorbic acid and its effects on photodamaged skin topography. Arch Otolaryngol Head Neck Surg 1999;125:1091-1098. (PubMed)
  • Raschke T, Koop U, Dusing HJ, et al. Topical activity of ascorbic acid: from in vitro optimization to in vivo efficacy. Skin Pharmacol Physiol 2004;17:200-206. (PubMed)
  • Humbert PG, Haftek M, Creidi P, et al. Topical ascorbic acid on photoaged skin. Clinical, topographical and ultrastructural evaluation: double-blind study vs. placebo. Exp Dermatol 2003;12:237-244. (PubMed)
  • Klock J, Ikeno H, Ohmori K, et al. Sodium ascorbyl phosphate shows in vitro and in vivo efficacy in the prevention and treatment of acne vulgaris. Int J Cosmet Sci. 2005 Jun;27(3):171-6. (PubMed)
  • Nusgens BV, Humbert P, Rougier A, et al. Topically applied vitamin C enhances the mRNA level of collagens I and III, their processing enzymes and tissue inhibitor of matrix metalloproteinase 1 in the human dermis. J Invest Dermatol 2001;116:853-859. (PubMed)
  • Fitzpatrick RE, Rostan EF. Double-blind, half-face study comparing topical vitamin C and vehicle for rejuvenation of photodamage. Dermatol Surg 2002;28:231-236. (PubMed)
  • Kameyama K, Sakai C, Kondoh S, et al. Inhibitory effect of magnesium L-ascorbyl-2-phosphate (VC-PMG) on melanogenesis in vitro and in vivo. J Am Acad Dermatol 1996;34:29-33. (PubMed)

© 2015, silviadgdesign.altervista.org. All rights reserved.

16 Comments on VITAMINA C: uso topico per una pelle più sana, più giovane, più luminosa

  1. ALICE
    1 febbraio 2017 at 11:12 (9 mesi ago)

    POTRESTI GENTILMENTE CONSIGLIARMI UN SIERO O UNA CREMA CON UN 20% E PH3 ?
    GRAZIE MILLE

  2. ALICE
    1 febbraio 2017 at 12:52 (9 mesi ago)

    Grazie mille!! Ok allora lo faró io.. che vitamina acquisto? (Dicevo di prender quelli gia pro ti per comodità , cosi da non avere la scusa che non ho tempo per prepararlo).
    Lo posso poi utilizzare tutti i gg?
    Grazie mjlle

    Alice

  3. silviadgdesign
    silviadgdesign
    1 febbraio 2017 at 12:52 (9 mesi ago)

    @Alice
    Ciao Alice, il siero migliore è quello che puoi farti tu a casa mescolando un pizzico di Vit.C in un pò d’acqua, ma se vuoi prodotti già pronti ci sono:

    -Camden Cosmetics London Antiaging Serum Vit.C 20%
    -Skinproject Crema vitamina C
    -SVR Laboratoires HYDRACID C20 (siero o crema)

    Solo il primo è quasi completamente naturale (98%), gli altri, come quasi tutti quelli in commercio con tale percentuale, sono di formulazione tradizionale. Io non ho provato nessuno di questi, quindi non posso darti ulteriori informazioni personalmente.

  4. silviadgdesign
    silviadgdesign
    1 febbraio 2017 at 17:56 (9 mesi ago)

    @Alice
    La vitamina C pura si chiama “Acido L-Ascorbico”, ed è la forma più potente. La migliore è quella pura in polvere che puoi trovare in farmacia oppure online negli shop con reparto di integratori. Altrimenti va bene qualsiasi integratore in compresse, anche effervescenti (tipo il Cebion) che trovi facilmente pure al supermercato a pochi euro. Ne tagli un pezzetto che scioglierai in due dita d’acqua e poi spalmerai sulla zona che ti interessa, ciò che avanza bevilo pure, non conservarlo perchè si ossida e non risciacquare ovviamente. Questo siero lo devi applicare una sola volta ogni 3 giorni, perchè la Vit. C rimane attiva appunto per 3 giorni, quindi riapplicarla tutti i giorni sulla zona sarà inutile.

    Una raccomandazione, essendo la Vit. C un acido, devi usare una piccola quantità di compressa (circa 1/4, dipende però da quanto è grande) in modo da evitare di irritare la pelle. Sarà sufficiente assaggiare prima la soluzione fatta, se sarà leggermente acida allora potrai applicarla, mentre se risulterà molto acida dovrai aggiungere acqua. Questo soprattutto se hai una pelle sensibile.

    Buon siero 🙂

  5. ALICE
    1 febbraio 2017 at 17:57 (9 mesi ago)

    Sei stata gentilissima!! Grazie!!

    Alice

  6. Paola
    30 aprile 2017 at 00:48 (6 mesi ago)

    Ciao Silvia, un info. hai mai dato un occhio a questo prodotto? Vitamin C Suspension 23%
    + HA Spheres 2% http://theordinary.com/product/rdn-vitamin-c-suspension-23pct-ha-spheres-2pct-30ml .
    ti vedo davvero molto competente e vorrei il tuo parare.
    Proverei il tuo metodo casalingo ma la storia del ph non mi è molto chiara. come hai azzeccato la giusta concentrazione di vitamina C per la tua pelle?
    ti ringrazio moltissimo 🙂

  7. silviadgdesign
    silviadgdesign
    30 aprile 2017 at 10:14 (6 mesi ago)

    @Paola
    la giusta concentrazione di Vit.C la ottieni assaggiando prima la miscela preparata che dovrà risultare al palato solo leggermente acida, in modo da non irritare la pelle (rossore, bollicine, secchezza, pizzicore intenso e prolungato, ecc.). Gli effetti che devi verificare sono la maggiore luminosità, lo schiarimento e la purificazione, senza disagi. Solo alle primissime applicazioni, se la tua pelle non è abituata agli acidi, potrai avvertire un lieve e momentaneo pizzicore che non darà conseguenze negative. La vit.C è un acido e in quanto tale va usato sempre in quantità modeste, in base alle esigenze della propria pelle.

    Il prodotto da te citato non è puro né totalmente naturale, ma contiene soprattutto emulsionanti sintetici per mantenere stabile la Vit.C. Ti conviene farti il tonico da sola che è più conveniente e sicuro in quanto personalizzabile.

  8. Paola
    30 aprile 2017 at 15:45 (6 mesi ago)

    Ti ringrazio moltissimo per la risposta, davvero. Anzi mi spiace averti ” scoperto ” solo ora 🙂 ti metterò sicuramente nel mio lettore feed 🙂 Posso chiederti secondo te se la vitamina c va usata prima o dopo l’acido ialuronico o se va semplicemente alternato? Inoltre cosa ne pensi dell’acido ialuronico sotto forma di integratore? Grazie mille e scusa l’insistenza <3

    Paola

  9. silviadgdesign
    silviadgdesign
    30 aprile 2017 at 18:10 (6 mesi ago)

    @Paola
    Innanzitutto la Vit.C basta usarla una volta ogni 3 giorni, in quanto rimane attiva nella pelle appunto per 3 giorni, perciò metterla quotidianamente sarebbe inutile. Non fa alcuna differenza se usata prima o dopo l’acido ialuronico. Se la usi sotto forma di tonico la metterei prima di altri prodotti lasciando asciugare, come si fa appunto per i tonici. Se la usi sotto forma di siero non ci sono accortezze, puoi anche mescolare insieme gli ingredienti…la differenza la può fare solo la texture del prodotto ma non la sua interazione con altri.

    Non ho esperienze sull’acido ialuronico come integratore quindi non ho una mia opinione personale, ma posso dirti che ad oggi non ci sono studi scientifici che confermino la sua efficacia con l’assunzione orale, anzi, quello che si sa è che l’attività digestiva rompa i suoi legami rendendolo inattivo, quindi inutile. Qualche studio positivo attribuibile alla sua più facile assimilabilità e quindi utilità si riferisce alla sua forma di origine animale (che difficilmente viene usata in commercio). La sua efficacia risulta esserci solo sotto forma di iniezioni, sia per la pelle che soprattutto per le articolazioni.

  10. Paola
    30 aprile 2017 at 18:12 (6 mesi ago)

    Non hai idea di quanto mi sei stata di aiuto ( o ferse sì ) ti ringrazio moltissimo. è difficile fidarsi di qualcuno online ma non ho dubbi, si vede che sei altamente competente e ti ringrazio per l’aiuto! Continua a scrivere un sacco di post 🙂

  11. silviadgdesign
    silviadgdesign
    30 aprile 2017 at 18:17 (6 mesi ago)

    @Paola
    sono contenta di esserti stata utile 🙂 grazie a te per la fiducia.

  12. Luisa Mirini
    30 maggio 2017 at 17:00 (5 mesi ago)

    Buongiorno Silvia, ho già avuto uno scambio di messaggi con te molto utile a proposito della Terra diatomacea. Avrei ancora bisogno di te per un’informazione sull’acido ascorbico puro in gocce da usare eventualmente al posto di quello in polvere che tu consigli in questi commenti. Potrebbe essere forse più comodo da miscelare in un po’ d’acqua e magari più facilmente conservabile? (Anche lo stesso Cebion in gocce per esempio.) Che ne dici?
    Luisa M.

  13. silviadgdesign
    silviadgdesign
    30 maggio 2017 at 17:55 (5 mesi ago)

    @Luisa
    ciao Luisa, in gocce o in polvere non fa alcuna differenza. Scegli in base alla tua comodità d’uso. L’a.a. in polvere è più facilmente conservabile perchè non devi aprire/chiudere ogni volta la stessa confezione come accade con la boccetta di quello liquido, però è anche vero che dovendolo utilizzare solo una volta ogni 3 giorni si conserverà benissimo anche in versione liquida. Per me la differenza sostanziale la può fare solo il prezzo a parità di quantità. Scegli quindi quello che ti conviene di più economicamente oppure ti è più comodo da usare.

  14. Luisa Mirini
    30 maggio 2017 at 20:41 (5 mesi ago)

    Sono senz’altro d’accordo che a parità di quantità il prezzo faccia la differenza.
    Molte grazie per l’informazione, ancora una volta, chiara ed esaustiva.
    Un caro saluto.

  15. Paola Aversa
    2 giugno 2017 at 22:04 (5 mesi ago)

    Io sono ancora qui a chiederti consiglio 😀 ho una macchia da sole, la classica macchia dei baffetti. Considerando che non voglio sembrare mio marito secondo te se SOLO LA SERA utilizzo l’acido solo nella zona specifica, dici che può aiutare? Ci sono delle controindicazioni se non lavarsi la faccia la mattina e mettere la protezione totale sulla zona? Perdona la domanda frivola ma giuro, sognavo il momento in cui avrei smesso di usare il fondotinta ed invece 🙁
    Grazie MILLE!
    Paola

  16. silviadgdesign
    silviadgdesign
    3 giugno 2017 at 00:04 (5 mesi ago)

    @Paola
    La Vit.C aiuta sempre, la puoi usare tranquillamente la sera sulla zona baffetti per migliorare un pò la situazione per quel che è possibile, perchè purtroppo per eliminare queste macchie a livello domiciliare c’è poco da fare se non proteggerle con la crema solare 50+ (mai di meno) sia d’estate che d’inverno in modo da non sollecitare l’iperpigmentazione e favorire lo schiarimento. Sempre come terapia domiciliare, ad oggi l’unica soluzione certa consigliata dai dermatologi è usare una crema galenica preparata in farmacia a base di Idrochinone al 3% (il miglior principio attivo esistente contro gli accumuli di melanina) da usare solo alla sera per un breve periodo, in genere 15gg/30gg eventualmente da ripetere dopo una pausa (perchè alla lunga diventa tossico). Per questa preparazione ci vuole la ricetta, quindi chiedi consiglio al tuo medico se potrebbe esserti utile questo preparato.

    Tutto il resto è palliativo ed inutile, poi c’è la chirurgia estetica.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Comment *






*

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

bannerblogaffiliati
Translate »