GREEN BEAUTY ROUTINE: guida per la giusta e naturale cura di sé

green beauty routine

Carissime/i con questo articolo voglio affrontare in linea generale l’argomento della bellezza “Green”, o meglio, come ottenere  e mantenere una reale e sana bellezza attraverso delle scelte biocompatibili con il nostro organismo che si riflettono sulla nostra estetica. Sicuramente non dirò nulla di nuovo, forse vi annoierò anche, ma ricordarci di certe basilari nozioni di cura di sé è sempre utile, in virtù anche della possibile lettura da parte di giovanissime inesperte che stanno iniziando a prendersi cura di se stesse.

Quella a cui noi tutte/i dobbiamo ambire è una routine di benessere quotidiana che corrisponda ad una cura cosciente della nostra pelle, che possiamo racchiudere in una parola: SEMPLICITÁ.

Noi dobbiamo semplificare e ancora semplificare i nostri rituali di bellezza. Più adottiamo una skin care semplice, basilare e rispettosa del nostro organismo, più esso risplenderà e si manterrà in salute!

  • La pelle sana

Ma com’è una pelle sana? Una pelle sana vibra di energia, è luminosa, liscia, morbida, elastica ed idratata, con un’ottima circolazione sanguigna. Questo tipo di pelle dimostra che il fluido linfatico è in grado di rimuovere perfettamente tutte le tossine ed aumentare l’immunità allo stress, che viene tenuto sotto controllo, alla formazione di radicali liberi grazie agli antiossidanti e agli squilibri ormonali. Le ghiandole sebacee nutrono la pelle con la giusta quantità di olio naturale garantendone l’umidità, che a sua volta mantiene stabile il manto acido naturale della pelle. Quotidianamente vive in uno stato di costante rinnovamento, eliminando da sola le cellule morte che hanno concluso il loro ciclo dando spazio a quelle nuove. Ogni cellula del corpo lavora in modo sinergico e programmato senza aver bisogno di stimoli ed input esterni. Una pelle costituita da cellule autonome in perenne stato di comunicazione tra loro.

  • Errori di routine

Questo meraviglioso equilibrio può essere facilmente danneggiato da cattivi gesti ed abitudini. Tuttavia, è possibile ridurre al minimo i danni esaminando le proprie azioni, anche se a volte può risultare estremamente difficile compiere questo esame, dato che molte persone non si rendono nemmeno conto di compiere degli attentati alla salute della propria pelle. I gesti totalmente naturali per garantirsi una pelle sana sono molto semplici, direi elementari:

  1. saper gestire lo stress: lo stress riduce l’apporto di sangue, crea i radicali liberi e deprime il sistema immunitario
  2. mangiare sano: un’equilibrata alimentazione costruisce e rigenera l’interno organismo
  3. rimanere idratati: l’acqua è l’idratante della pelle più economico e più efficace, ne migliora la barriera protettiva e la resistenza alle aggressioni ambientali
  4. trovare un buon equilibrio tra attività fisica e riposo: l’attività fisica aumenta la circolazione sanguigna fornendo nutrimento alle cellule della pelle ed aiuta l’espulsione delle tossine mentre il sonno la rigenera e la rivitalizza, promuovendo il rinnovo e la ricostruzione dei tessuti cellulari
  5. proteggersi dal sole: per evitare l’invecchiamento precoce della pelle e l’insorgenza di rughe oltre che di tumori della pelle
  6. evitare di fumare: il fumo causa pesanti e multipli danni alla pelle, compromettendone gravemente la capacità di riparazione e ringiovanimento. Ogni boccata di sigaretta contiene circa 1 milione di miliardi di radicali liberi
  7. adottare una green beauty routine: i cosmetici eco-bio che sono puri e delicatissimi sulla pelle, contribuiscono a mantenerla in ottima salute.

Quelli da NON fare, sono gesti altrettanto semplici ed elementari a cui però non badiamo affatto il più delle volte, soprattutto se dettati dalle mode del momento, come: tiraggio/stiraggio dei capelli, sfregamento della pelle e la manipolazione abrasiva effettuata con ravvicinata periodicità attraverso le dita, mani, asciugamani o accessori che possono danneggiare meccanicamente la pelle (spazzole viso di ogni genere).

  • Perchè adottare una beauty routine “green”

Quando siamo giovani il nostro corpo è programmato per mantenere la nostra pelle liscia e morbida, ignorando che è lei stessa a prendersi cura di sè, non tanto noi. Con l’avanzare dell’età come ben sappiamo, la pelle inizia il suo decadimento lavorando in modo meno efficiente e causando diradamento, perdita di elasticità e cedimenti. L’esposizione alle varie forme di stress (ambientale, fisico, mentale) aggrava questo processo naturale. Processo che può iniziare anche in età molto giovane se la pelle non riceve cure adeguate…per questo vediamo in giro ventenni/trentenni che appaiono più vecchie delle loro madri/padri. Per cura adeguata non intendo usare tanti prodotti costosi e complicati, ma avere un approccio logico e il più possibile semplice, che nutra olisticamente la capacità naturale della pelle di mantenersi in buona salute, sia internamente che esternamente.

  • Obiettivi della green beauty routine

L’obiettivo primario della cura della pelle è favorire la desquamazione regolare e il turnover cellulare per mantenere il suo naturale manto acido, una combinazione di sebo e sudore che il corpo secerne per proteggere e idratare la superficie della pelle. Il raggiungimento di questo obiettivo può aiutare a ricostruire il collagene danneggiato e l’elastina (la proteina principale delle fibre elastiche della pelle), al fine di mantenerne la forza, l’elasticità e la resilienza. Ci sono molti metodi per ottimizzare il turnover cellulare: scrub, peeling, maschere di pulizia profonda e l’utilizzo di alfa-idrossiacidi (AHA), che sono in grado di aiutare l’esfoliazione delle cellule morte superficiali e mantenere efficiente il loro ricambio. Per proteggere il manto acido della pelle, che copre tutto il corpo, si devono utilizzare detergenti dal ph acido molto delicati, evitando gli antibatterici e i saponi che tendono ad essere piuttosto duri.

  • Integrazione della beauty routine: quando e come

Quando la base per garantire la salute della pelle è equilibrata (protezione solare, rigeneranti dormite, relax, alimentazione bilanciata ecc.) è il momento di intregrarla con un’adeguata beauty routine. Vi consiglio di scegliere il cambio di stagione come momento particolarmente adatto all’adozione di una nuova routine, soprattutto se riguarda il passaggio dalla cosmetica tradizionale a quella eco-bio, perché è il momento in cui la pelle si rinnova per adattarsi ai cambiamenti climatici e quindi anche alla nuova routine.

Ora dobbiamo collaudare i passaggi fondamentali della beauty routine al proprio tipo di pelle attraverso l’uso di cosmetici adatti:

  1. detersione: lavare la pelle con un detergente delicatissimo per rimuovere lo sporco e sebo in eccesso, con un occhio di riguardo per la zona del viso e collo che sono le parti più fragili e reattive alle aggressioni. Qualunque tipo di detergente deve essere SEMPRE risciacquato. I movimenti per viso e corpo devono andare verso l’alto e verso l’esterno (effetto lifting). Per la sensibilissima zona del contorno occhi, i movimenti devono partire dall’angolo interno per andare verso l’esterno per poi finire verso il basso. Asciugarsi sempre tamponando e mai sfregando. Per il viso consiglio in caso di acne, brufoli o sfoghi di varo genere, l’asciugatura mediante fazzolletti (kleenex) o carta igienica e non asciugamani, nei quali potrebbero annidiarsi batteri o germi.
  2. tonificazione (non indispensabile): sul viso, applicare qualunque soluzione acquosa (termale, floreale…) per ristringere i pori ed eliminare eventuali residui di detergente nel caso non si fosse effettuato il suo risciacquo con acqua. La si può nebulizzare direttamente sulla pelle oppure applicare mediante un dischetto di cotone imbevuto.
  3. idratazione: applicare creme idratanti, lozioni, burri o oli che siano umettanti (per mantenere l’umidità della pelle), emollienti (per conservare l’umidità già presente nella pelle), e lubrificanti (per depositare un sottile strato lipidico protettivo sulla parte esterna della pelle). Si possono inoltre applicare i cosmetici sulla pelle leggermente bagnata per bloccarne l’umidità in modo supplementare. Non usare cosmetici dalle formulazioni pesanti e grasse per non impedire la giusta traspirazione. Riguardo al massaggio, usare le dita delle mani per stendere i prodotti sul viso verso l’alto e l’esterno, solo per il collo massaggiare verso il basso, mentre per il contorno occhi picchiettarli delicatamente solo con il dito anulare, che è quello con la giusta pressione. Una volta che i prodotti sono stati assorbiti, picchiettare leggermente tutto il viso per stimolare la circolazione sanguigna. Per il corpo naturalmente usare l’intera mano, cercando però durante il massaggio di fare pressione con il palmo e non con le dita, le quali con manovre errate, potrebbero causare danni come rottura dei capillari fragili in persone predisposte, ristagni e altri disagi.
  4. esfoliazione: applicare con moderazione e non frequentemente esfolianti per rimuovere gli strati superficiali di cellule morte ed impurità resistenti, per favorire un miglior turnover cellulare e prevenire l’ostruzione dei pori. Suggerisco una o massimo due esfoliazioni mensili e non settimanali, per non squilibrare la pelle ed il suo ph.
  5. protezione: seguendo i primi quattro punti, in definitiva, si garantisce la protezione vitale della nostra pelle, favorendo il ricambio delle cellule sane, la salvaguardia del naturale manto acido e l’aiuto a mantenerla forte, elastica e resiliente. Per una proteziona totale però è indispensabile proteggersi dal sole usando un idratante con minimo SPF 15, che riesca a bloccare i raggi UVA e UVB e contenente fattori solari fisici (preferibilmente ossido di zinco micronizzato), questo per evitare l’invecchiamento precoce della pelle e l’insorgenza di rughe oltre che di tumori della pelle. Ricordo però che una moderata esposizione ai raggi solari è ottima per la nostra salute (in particolare nella produzione di vitamina D).

Siamo giunti alla conclusione di questa piccola guida di benessere. Spero di esservi stata utile e ricordatevi sempre di curarvi prima dentro!

Lascia un commento

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.

You cannot copy content of this page