VIVI VERDE COOP: Infuso di Melissa Biologico. Un aiuto per i disturbi spicologici e psicosomatici, ma non per me

Carissime/i per tutti gli amanti delle bevande salutari come sono io, vi racconto la mia esperienza con l’Infuso di Melissa Biologico della marca Vivi Verde Coop. Una bevanda dal gusto delicatissimo, presentata come adatta a coloro che vogliono approfittare delle sue diverse proprietà a vantaggio del proprio benessere generale, in particolare nei confronti della sfera emozionale e digestiva. La Melissa scientificamente vanta due principali azioni, una calmante ed una sedativa, che la rendono un rimedio efficace contro i disturbi del sistema nervoso, come stati di ansia, di irritabilità, di insonnia determinata da un’eccessiva stanchezza, di tachicardia e di nervosismo. Il suo beneficio è dovuto ai flavonoidi contenuti, i quali svolgono un’attività paragonabile ai medicinali ansiolitici. Questa pianta non solo è un coadiuvante dell’equilibrio del sistema nervoso, ma grazie all’alta quantità di olio essenziale contenuto nelle foglie, è utile anche contro i disturbi ansiosi che interessano l’apparato gastrointestinale, quali nausea, vomito, digestione difficile, crampi addominali e colite spastica. In generale, si può considerare l’Infuso di Melissa come un adeguato aiuto per chi convive occasionalmente o perennemente, con uno stato emotivo alterato che comporta problemi di natura sia puramente psicologica, sia di natura psicosomatica.

Come per tutte le sostanze, si deve porre attenzione a non eccedere nel dosaggio per non andare incontro a possibili effetti collaterali che, nel caso della Melissa, si presenterebbero opposti ai suoi benefici, quindi sotto forma di ansia ed agitazione. La dose massima quotidiana consigliata per una tisana è pari a 5g. L’impiego della Melissa è controindicato in gravidanza, in allattamento, in caso di disfunzioni alla tiroide come l’ipotiroidismo, glaucoma (soprattutto per l’olio essenziale che potrebbe aumentare la pressione endoculare), ipotensione ed ipersensibilità accertata verso uno o più componenti della droga.

Il motivo per il quale ho deciso di acquistare questo infuso e per pochi euro, è stato la semplice casualità. Stavo cercando una tisana digestiva e non trovandone una adatta alle mie esigenze, mi sono soffermata per merita curiosità sulle altre disponibili che non avevo mai provato. Leggendo le indicazioni funzionali riportare sulla confezione dell’Infuso di Melissa Biologico della linea Vivi Verde Coop, le quali le attribuivano proprietà digestive e rilassanti, in grado di supportare il benessere fisico favorendo la digestione e contribuendo ad un buon riposo, ho pensato che sarebbe potuta essere una valida alternativa. Inoltre, vivendo io in un perenne stato di ansia e stress, che mi porta ad avere piccoli ed ostili disturbi come cefalea, stanchezza ed irritabilità, ho colto l’opportunità data dalla Melissa di risolvere anche queste problematiche della mente e dell’anima. Mi son detta che se non dovesse funzionare a livello digestivo, magari potrà farlo a livello emotivo o viceversa, così ne ho acquistato qualche scatola. Quando si dice: “cogliere due piccioni con una fava”.

Viviverde Coop Infuso di Melissa BiologicoLa confezione contiene 20 filtri da 1,8g ciascuno, perciò per rimanere entro la dose giornaliera raccomandata vi consiglio di assumere al massimo due bustine al dì. Come riportato in etichetta, l’infuso è controllato e certificato biologico da CCPB, è stato prodotto in India nel rispetto dei valori di Coop ed importato in Italia da Everton SpA. Viene consigliato di mettere una bustina in una tazza da circa 200ml, versare l’acqua precedentemente portata a pre-ebollizione e lasciare in infusione per 5 minuti circa. Si può zuccherare a piacere e gustare sia caldo che freddo.

Io ho assunto generalmente due tazze di infuso caldo al giorno, una dopo colazione ed una dopo cena per favorire la digestione. Smentisco subito la descrizione circa il suo gusto aromatico ed intenso, non è così. Il suo gusto naturale è estremamente delicato, quasi insapore. Dal punto di vista dei risultati, l’unico che ho ottenuto è stato un leggero miglioramento del riposo notturno, inteso come un sonno più ristoratore che mi ha permesso di alzarmi al mattino un pò meno svogliata e stanca, un sonno paragonabile a quello che si ottiene dopo aver fatto un bel bagno caldo e rilassante prima di andare a dormire. Nulla di risolutivo però verso l’insonnia o sonno interrotto. Come prima di cominciare ad assumere questo infuso di Melissa io mi svegliavo diverse volte durante la notte, continuo a svegliarmi durante la notte tutt’ora. Anche nella modalità di addormentarmi non ho avuto cambiamenti, tutto è rimasto pressocché invariato, tranne per il piccolo miglioramento nella qualità del riposo. Per questo risultato, posso dire che effettivamente l’infuso è stato efficace nel contribuire ad un buon riposo, come viene riportato dalla descrizione sulla confezione. Per disturbi più importanti non lo ritengo adeguato, se non all’interno di un abbinamento di più prodotti specifici.

Nessun risultato positivo, anzi, proprio nessun cambiamento, sul mio sistema digestivo. Il senso di sposatezza, pesantezza e sonnolenza che spesso e volentieri si impossessa di me, sono rimasti tali e quali. Stessa assenza di risultati anche nei riguardi della sfera emotiva, quella che doveva maggiormente avvalersi dell’aiuto dell’Infuso di Melissa. Non che mi aspettassi di acquisire la serenità e spensieratezza che forse nemmeno uno psicoterapeuta può aiutarmi ad ottenere, però speravo in un qualche vago senso di leggerezza mentale che mi permettesse di gestire meglio lo stress, mio compagno di tutta una vita. Lo stress, l’ansia e i vari disturbi ad essi collegati continuano a starmi accanto, loro si beatamente.

In conclusione, il prodotto mi ha deluso o, per meglio dire, al mio organismo non è servito quasi a nulla e quel piccolo aiuto ricevuto nei confronti del sonno non ne giustifica l’ulteriore acquisto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

I link nei commenti potrebbero essere liberi dal nofollow.